P

Nico Piro – RAI TG3

2019-08-20T16:52:12+02:00

La parola “pioniere” sa di vecchio. Eppure lui, giovane d’anagrafe e di spirito, lo è: pioniere italiano del “mobile journalism”. Che vuol dire fare dell’ottimo giornalismo televisivo dai qualsiasi fronte caldo del mondo, utilizzando uno smartphone per le riprese e la rete per la distribuzione dei contenuti. Sua la prima diretta via Facebook nella storia della RAI: 2016, elezione di Trump. Un piccolo passo per l’umanità, un grande passo per il Servizio pubblico.

Piana Luca – L’Espresso
ex aequo con Fabio Lepore – L’Espresso e Niccolò Zancan – La Stampa

2016-05-24T00:44:11+02:00

Autori di controinchieste sul "Caso Stamina", in nome della "verifica puntuale dei fatti", hanno saputo offrire ai lettori della carta stampata informazioni corrette in una vicenda che ha visto in particolare alcuni programmi televisivi e internet sollevare un polverone su temi tanto dolorosi e delicati.

Petrini Carlo – La Repubblica e fondatore di Slow Food

2016-05-02T10:00:08+02:00

Premio Birra Moretti per la Diffusione della Cultura Alimentare Motivazione Promuove in tutto il mondo uno stile di vita rispettoso dei territori e delle tradizioni locali. Oggi si premia il giornalista: i suoi articoli affrontano la complessità dei temi connessi alla cultura alimentare rendendo semplice ciò che appare complesso e contribuendo a diffondere una cultura alimentare basata sulle diversità delle materie prime e sulla qualità degli ingredienti.

Paci Francesca – La Stampa, Premiolino Giovani

2016-05-20T12:49:09+02:00

Francesca Paci che da cronista cittadina, ci fece ascoltare le voci dell'Islam che parla italiano (donne, mogli, uomini, imam), da corrispondente a Gerusalemme ha conservato grinta, capacità di indagine sul terreno ed esemplare rigore. Ha saputo descrivere la guerra civile a Gaza, le contraddizioni della Knesset, le mogli degli ultraortodossi israeliani che scoprono il cinema e le vacanze dei palestinesi di Cisgiordania. E per noi, “fare” i giornalisti significa proprio questo. Gli studenti del Master in Giornalismo dell’Università Statale di Milano